Archivio dei tag Pensieri

scegli-sempre-te

Scegli te

chiaramenteNo 2 comments

Stamani su una delle playlist di Spotify è partita “Scelgo ancora te”di Giorgia. E io ho pensato. 

tempo

Tempo

chiaramenteNo No Comments

Ci saranno momenti in cui non potrai fare niente. E non vorrai accettarlo. Ma succederà. E l’unica cosa che potrai fare sarà dare tempo alle persone.

Barbara-d-urso-tv-spazzatura-

Barbara D’Urso e tutte le altre; davvero vogliamo questa tv spazzatura?

chiaramenteNo No Comments

Ieri, mentre aspettavo di fare pranzo, ho visto la pubblicità di “Pomeriggio Cinque”, il programma condotto da Barbara D’Urso. E mi è salito un po’ l’odio, ecco, per così dire. 

Cose che odio: lista (semi)seria

chiaramenteNo No Comments

Ebbene sì. Ci sono cose che non sopporto. Ci sono cose che odio proprio.

Giorni.

No Comments

Ci saranno giorni strani. Giorni che nemmeno tu riuscirai a capire. 

comunque-andare-alessandra-amoroso

Comunque andare

chiaramenteNo No Comments

Stamani è la canzone di Alessandra Amoroso, “Comunque andare“, che mi risuona nelle orecchie. Perché a volte è così che mi sento.

Parole bloccate.

No Comments

A volte le parole sono difficili da trovare. A volte magari non hai semplicemente niente da dire.

Bellezza è.

No Comments

Stamani, dall’alto della mia saggezza mattutina fatta di pigiamone infilato nelle calze e vestaglia (inizia a fare freddino qua da me), ho accesso la tv. C’era un tipo che parlava di bellezza. 

alza-musica-balla-nessuno-stesse-guardando-

Balla come se nessuno ti stesse guardando.

chiaramenteNo No Comments

“Balla come se nessuno stesse guardando,
ama come se nessuno ti avesse mai ferito,
canta come se nessuno stesse ascoltando,
vivi come se il paradiso fosse sulla terra.”

William W. Purkey

Fuochi.

No Comments

Fuochi artificiali. Finti, quindi. Creati artificialmente per ottenere un certo risultato. Però sono belli. Quando esplodono tutti insieme, e sembra che le luci, e i colori, e i rumori non vogliano più finire. Ed è bello così. Anche se è finzione. Quando sembra che possa esserci qualcosa di più grande, di più forte, di più alto di tutto e tutti. Quando i pensieri sembrano insignificanti, sembrano niente confrontati con quel rumore sordo che fanno i fuochi. Per te non sono semplicemente fuochi fatti per festeggiare il patrono del tuo paese. Sono 20 minuti in cui non pensi, in cui riesci a staccare e a goderti semplicemente lo spettacolo. 20 minuti in cui sai che può esistere qualcosa di più forte, più rumoroso, più grande di tutto il rumore che hai dentro. E che quel rumore, almeno ogni tanto, lo puoi mettere da parte.