La festa dell’amore

Buon San Valentino. In primis a chi questa festa la odia. E poi anche a chi la ama.

A chi la odia perché è solo, e un po’ soffre a guardare gli altri. E si dice che a lui non importa, che a lui, o lei, l’amore non serve. E invece un po’ mente, perché un po’ di amore serve a tutti. Ci fa stare meglio.

Buon San Valentino a chi non ha una persona accanto, e continua a cercarla. A chi invece non la vuole, perché ha imparato a stare da solo ed è convinto di stare meglio cosi. A chi ha imparato davvero a stare solo, e a smesso di accontentarsi del primo che passa solo per avere qualcuno. E quando quella persona la troverà, sarà più bello.

Buon San Valentino a chi una persona accanto ce l’ha e non ha bisogno di un giorno dedicato agli innamorati, perché si sente innamorato ogni giorno. A chi dice che di San Valentino non gli importa, e invece un gesto carino ci fa sempre piacere. A chi non ama le rose, ma poi magari se lui con una rosa ci arriva, un sorriso ce lo strappa. A chi ha accanto qualcuno che la fa sentire ogni giorno speciale. Perché ogni giorno conta.

A chi ha sbagliato, e spera che questo sia un giorno in cui possa iniziare a chiedere scusa, magari sorprendendola con quella rosa che tutte quante diciamo di non volere. Una rosa significa tante cose. Ti amo. Ti sto pensando o ti ho pensata. Ho sbagliato. Scusa.

people-2943065_1920

A chi è in crisi, dopo pochi mesi o dopo infiniti anni insieme, ma decide di non arrendersi. Anche se le famose circostanze, o le famose menti razionali, indicherebbero tutt’altra direzione. A chi decide di non buttare tutto all’ aria, anche se lui, o lei, ha sbagliato tanto e forse il perdono non se lo meriterebbe. A chi soffre, a chi tradisce o è stato tradito, a chi non si sente più importante, a chi sente che tutto sta diventando abitudine, a chi sente di non andare più bene. Ma decide comunque di provarci. Senza dimenticare che la nostra, di felicità, deve venire sempre per prima, anche di quella di colui, o colei, che riteniamo essere la nostra persona importante. Nonostante tutti. Nonostante tutto. Perché questo è l’amore. L’amore è nonostante tutto.

 


smettila-avere-paura

Smettila

Smettila di avere paura. Smettila di accontentarti, smettila di lasciare che cose più grandi di te ti inghiottano.

Avrai sempre paura. Di cose piccole o grandi. Avrai paura di crescere, avrai paura di prendere decisioni vere. Avrai paura di andare a convivere anche se ami il tuo ragazzo, avrai paura di lasciare il tuo nido, la tua casa, quella casa che ti ha vista crescere e diventare quella che sei. Avrai paura di lasciare i tuoi, anche se lo sai che ci saranno sempre. Avrai paura di aver sbagliato strada, e nonostante tu sia giovane, ti sentirai ormai troppo grande per cambiare direzione. Avrai paura di avere sbagliato tutto, studi, lavoro e quant’altro. Avrai paura a lasciarlo, quel lavoro, anche se vorresti non stare lì tutta la vita. Avrai paura di dire cose, avrai paura di dire sì e di dire no. Avrai paura di scegliere, perché quel discorso che ti fanno tutti sul non aver paura, sul fatto che si può sempre tornare indietro, con te non attacca. Avrai paura di non essere mai pronta. Avrai paura di affacciarti davvero a quella vita che sembra così complicata.

non avere paura

 

Ma devi smetterla di avere paura. Perché è vero che avere paura non fa che aumentare l’ansia che già hai e con cui stai imparando a convivere. Avere paura non ti fa stare meglio. Ti fa rinunciare a tante cose, perché così è più facile. Ti impedisce di provarci davvero, anche se un po’ lo vorresti. Dovresti smetterla di rimandare, di posticipare cose giorno dopo giorno aspettando che la paura passi. Perché forse non passerà. Forse farà sempre parte di te, che tu lo voglia o no. E l’unica soluzione, forse, è imparare a conviverci, con quella paura. Accettarla come parte di te. Ma impedirle di prendere decisioni al posto tuo, impedirle di vivere la tua vita, impedirle di essere sempre la più forte.