Meredith e Derek.

Meredith e Derek.

No Comment
Serie,libri&film

Ce l’avevo fatta. Avevo quasi superato Grey’s Anatomy. Ero riuscita a non guardare l’ultima stagione e mezza. Ne ero quasi uscita. Principalmente perché non mi piace più. Ma poi ci sono ricaduta. E tutto, tutto quanto, continua a parlarmi di Meredith e Derek.

Ogni cosa mi parla di loro. Anche nelle stagioni nuove, quelle che giustamente stanno andando avanti senza il mio dottor Stranamore, qualcosa che mi ricorda loro c’è sempre. Me lo mettono in mezzo all’improvviso. Una canzone, uno sguardo, un ricordo. E lui è di nuovo lì con lei. Lei che, dopo non si sa come essere sopravvissuta a praticamente tutto quello che può succedere ad un essere umano, prova ad andare avanti. E io un po’ voglio che vada avanti, perché è giusto così. E perché Grey’s Anatomy è una serie tv, ed è normale che in qualche modo debba andare avanti. Male, sta andando avanti male, se proprio devo dirla tutta, ma non è questo il punto. Il punto sono Meredith e Derek. Che per 11 lunghissime stagioni ho amato come pochi altri personaggi delle serie tv. E ne guardo parecchie. Ma loro erano magici. Erano qualcosa di bello. Meredith e Derek sono stati una delle coppie televisive più realistiche che io abbia visto. Mettiamoci che ho iniziato a guardare Grey’s che ero adolescente, quindi loro sono stati il mio primo vero amore televisivo, dopo Pacey e Joey ovviamente. Ma in Meredith e Derek c’era qualcosa di diverso. C’era qualcosa che mi faceva pensare che la loro storia potesse davvero accadere a tutti noi.

(Qui, se siete veri fan, vi potete sbizzarrire!)

Perché è una storia complicatissima, la loro. Tralasciando il “lui è sposato”, che effettivamente fa un po’ cliché, chi ha visto Grey’s dall’inizio li ha visti fare tutto. Tutto quello che una coppia può fare. Lei che inizialmente non lo vuole, lui che prova a rimanere fedele alla moglie ma non ci riesce, tira e molla vari. E poi lei che ha una paura fottuta quando si rende conto che davvero può averlo. Dopo aver combattuto, dopo esserselo sudato, Derek può essere suo. E lui vuole essere suo. E lei va nel panico. E sta malissimo. E lo respinge. Perché ha paura, non perché non lo voglia. E lui che continua a tornare, nonostante tutto e tutti, e a guardarla con quegli occhioni da innamorato perso. E lei che sta male con se stessa e di conseguenza non riesce a stare bene con lui. E lei che alla fine cede. E finalmente stanno insieme. E crescono, insieme. Creano una famiglia, costruiscono una casa, continuano a portare avanti le loro brillanti carriere. Tra alti e bassi, ovviamente. Perché è una serie, e senza alti e bassi che ci stiamo a fare, e forse anche perché è così che succede.

Chi non ha avuto paura quando si è reso conto di essere innamorato davvero? Chi non ha avuto paura di lasciarsi andare con quella persona che sembra tenerci a noi, e magari ci tiene davvero? Quanti hanno respinto qualcuno, solo perché uscire da quella zona sicura che ci costruiamo spaventa da morire? Quanti dicono di no perché sentono che qualcosa non torna nella loro vita, e quindi stare bene con qualcun altro diventa ancora più difficile? Quanti, dopo aver ceduto a quella persona, hanno avuto paura ad aprirsi, a condividere, a diventare parte di qualcosa che invece, alla fine, è bello da morire? Quanti hanno avuto paura di parlare di case, convivenze, bambini e lavoro? Quanti hanno paura di crescere con quella persona, non perché quella persona non sia giusta, ma perché abbiamo paura e basta?

Io le ho provate tutte queste cose. Anzi, le sto ancora provando. Ed è per questo che Meredith e Derek sono la coppia che non riuscirò mai a dimenticare. Così come non potrò accettare il fatto che sia morto. Perché ci sono cresciuta con loro, e mi sono successe cose che anche a loro ho visto fare, e ora mi stanno succedendo cose che anche loro hanno affrontato. Nel finto mondo delle serie tv, ovviamente. Ma c’era comunque qualcosa che mi rassicurava in loro, erano lì con me ad affrontare il mondo. Erano l’amore. Quell’amore che tutti dovremmo provare. Quell’amore che ci fa parlare con gli occhioni da orsacchiotto. Che ci fa mettere da parte orgoglio e dignità. Quell’amore che ci fa sentire tranquille, al riparo da tutto ciò che potrebbe andare male.

Se poi è anche un bonazzo della madonna, neurochirurgo super famoso, e soprattutto non muore in uno stupidissimo incidente che non guardare il telefono mentre guidi sono le basi proprio, beh, anche meglio.

derek

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: