La setta di Michelle Hunziker e le sette in cui ci intrappoliamo tutte.

Michelle Hunziker ha recentemente dichiarato di essere stato plagiata da una setta, diversi anni fa. Setta che ha finito con l’influenzare in maniera determinate tantissime scelte della sua vita, compreso, pare, il matrimonio con Eros Ramazzotti. 

La setta di cui parla la Hunziker è una setta reale, fatta di adepti e di persone che fanno leva sui più fragili riuscendo a plagiarli praticamente a loro piacimento. Ma pensandoci bene, non siamo tutti, o almeno siamo stati, prigionieri di un’altra setta, quella che abbiamo in testa? Una setta non fisica, immateriale, ma che sembra avere lo stesso potere.

michelle hunziker

 

Le sette di tutti i giorni

Tutte le volte che avremmo voluto dire “sì, ok, proviamoci”, ma poi la paura nella nostra testa è stata più grande. Tutte le volte in cui hai pensato di trasferirti, di cambiare città, di mollare tutto e ricominciare da zero. Un corso nuovo. Andare in palestra. Iscriverti a un corso di scrittura online, o a un club del libro. Provare a fare zumba. Uscire con i capelli diversi.

 Tutte le volte che avresti voluto dire “no, questo non mi interessa”, e invece alla fine hai detto sì. Magari è successo con un ragazzo, che ti ha spinto un po’ troppo oltre ma e te piaceva e ti sembrava brutto dire di no.  Quella volta che a quella cena non volevi proprio andarci, ma poi ci andavano tutti e non volevi sembrare la solita asociale. Quella volta che di fare quel viaggio in macchina non ne avresti voluto sapere niente, ma poi. Quelle volte in cui la domenica vuoi stare a casa, in pigiama, con le serie tv, la musica e i libri, ma poi “perché non esci un po‘?”. E tu sei uscita.

Tutte le volte che ci sentiamo dire che non siamo e non facciamo mai abbastanza, che non arriveremo da nessuna parte, che il nostro provarci, e impegnarci, non ci porterà a niente. E magari alla fine ci crediamo. Tutte le volte che qualcuno pensa di sapere cosa possa essere meglio per noi. E noi, piccole, confuse, indecise, gli diamo retta. Perché è la via più facile. Qualcuno che ti dice cosa fare, come farlo e quando farlo. Tutte le volte che ci facciamo condizionare, da noi stesse o dagli altri. Ma il prezzo da pagare è un po’ del nostro essere noi, è sottomettere a qualcuno o qualcosa una parte di ciò che siamo, magari proprio quel qualcosa che ci fa essere piccole, confuse, indecise. Tutte le volte che abbiamo paura e rimandiamo. Tutte le volte che avresti voluto dire qualcosa a quel ragazzo carino ma hai aspettato che facesse lui la prima mossa. Ammesso che l’abbia fatta. Magari il tuo avere paura ti ha impedito di conoscere una persona interessante. Tutte le volte in cui vorremmo far sentire la nostra voce, ma poi qualcosa ci blocca. Tutte le volte in cui qualcosa non va, e cerchiamo la via più facile per provare a sentirci meglio. Tutte le volte che lasciamo che qualcun’altro, o le nostre stesse paure, decidano per noi.

Però, comunque, Michelle Hunziker dalla setta vera è venuta fuori. Adesso suo marito è Tommaso Trussardi, quello che sicuramente per il compleanno non si presenta con una maglietta presa a saldo all’ultimo minuto, e ha diverse bambine, Aurora, Celeste e Sole.

Perché un po’ di sole c’e sempre; magari nascosto, magari difficile da trovare. Ma se vogliamo cercarlo, probabilmente prima o poi lo troveremo anche noi.