“Proverò a crescere.”

Questo articolo l’ho scritto qualche mese fa, ma, almeno per me, è ancora attuale. A volte me lo rileggo tipo mantra. Ah, e per la cronaca, sto ancora provando a crescere 🙂

Stamani è la canzone di Ligabue, “A modo tuo“, a risuonarmi nelle orecchie. Mi piace un sacco quella canzone.

Perché è “a modo tuo” che devi vivere. Perché “sarà difficile diventare grande“. Perché ci saranno tante, tantissime strade da prendere e tu sarai senza uno straccio di indicazione. Non saprai assolutamente quale scegliere. Andrai a caso, probabilmente. O magari sei tra quei pochi fortunati che quando crescono, e diventano grandi, hanno già un percorso in testa, lo hanno avuto per tutto la vita, e non cambiano strada per niente al mondo. Beati voi. Io non sono così. Io strada la cambio spesso. Quando non ho troppa paura di cambiarla, in realtà. Ma non ho una direzione precisa, sto ancora aspettando che la vera me stessa mi si riveli davanti, anche in sogno, in pigiama, vestita sexy, con i tacchi a spillo o in ciabatte, come vuole lei insomma, e mi dia una qualche illuminazione. Per adesso non è successo. E se non succederà, continuerò ad andare a caso, perché è vero che non possiamo sapere cosa la vita ci riserva.

Perché a un certo punto, come dice Liga (sì, lo chiamo Liga e non Ligabue, lo ascolto più o meno da quando sono nata, sono andata a diversi concerti; anche se non lo conosco, un po’ in confidenza mi ci sento, ecco) dovrai mettere via i giochi e provare a crescere. Provare. Devi farlo per forza. Non c’è modo di fermare il tempo. Quindi dovrai crescere. E non sarà facile. Quando le decisioni da prendere non saranno più soltanto “che facciamo stasera” o “gli ho appena mandato un messaggio e ancora non mi ha risposto, che devo fare?”. Quando la preoccupazione più grande non sarà lui che non risponde al messaggio, o quella compagna di banco che proprio non sopporti, o la fissa di voler quella maglietta uguale a quella tua amica che è sempre così alla moda e con i capelli sempre perfetti. E quella maglietta costa troppo, e i tuoi, giustamente, non te la comprano. Che poi magari non è neanche troppo tua amica, ma è alla moda, fa tendenza, tutti vogliono starle intorno e naturalmente lo vorrai anche tu.

proverò-crescere-a-modo-tuo-ligabue-

Quella maglietta adesso puoi comprarla. Perché nel tuo percorso verso la “granditudine”, probabilmente troverai un lavoro, e di magliette te ne potrai permettere, se non un armadio, almeno qualcuna. Ti sentirai indipendente. Ti sentirai grande, responsabile, autonoma, piena di sogni e speranze. Ma avrai anche paura, paura di sbagliare, paura di non rendere felice qualcuno, paura di non essere in grado di afferrare l’opportunità giusta. Avrai paura di aver sbagliato tutto, ma tanto non puoi tornare indietro. Avrai paura che quella scelta che hai fatto che ti sembrava così giusta, in realtà così giusta non sia. Avrai paura di rimanere sola. Avrai paura di vivere fino in fondo la tua prima, vera, storia d’amore, quella fatta di viversi l’uno con l’altro e non di messaggini. Vedrai le tue amiche, quelle con cui sei cresciuta, quelle con cui parlavate di cazzate, fare progetti veri. Prenderanno una casa, si sposeranno, magari avranno dei bambini. E tu avrai una paura fottuta. Non tanto di rimanere indietro. Ma di non essere mai pronta fino in fondo a vivere in questo mondo dei grandi. Magari le vuoi, le cose dei grandi, ma un po’ ti fanno paura. Sentirai che qualcosa ti sfugge.

Ti sentirai inadeguata, ti butterai giù, sentirai di non essere mai abbastanza. Altre cose invece ti faranno stare bene. Perché, anche se cresciamo, ci saranno sempre delle cose in cui rifugiarci. Posti, persone, oggetti. Trova il tuo luogo sicuro. Trovalo, e non lasciartelo portare via da nessuno. E quando lo hai trovato, non lasciarti risucchiare da lui, non ti ci chiudere del tutto. Ma vacci tutte le volte che il mondo non va come vorresti, quando tutto sembra tramare contro di te. Rifugiati lì, e permetti al tuo posto sicuro di farti stare meglio. Poi esci, indossa il tuo sorriso migliore, e continua a crescere. 

 

 

Fan di Liga? Anche ai più accaniti può mancare qualcosa….