Proviamo a capire la nuova legge elettorale.

Proviamo a capire la nuova legge elettorale.

2 comments
Analizziamo&commentiamo

Il “Rosatellum”  dovrebbe essere la nuova legge elettorale. Approvata ieri sera (Mercoledì) alla Camera con 375 voti favorevoli e 215 contrari, passerà adesso al Senato. Ma in che cosa consiste la nuova legge elettorale? Pur essendo un po’ complicata, abbiamo provato a capire cosa succederebbe se andassimo a votare domani, con il “Rosatellum” in vigore.

Un misto tra proporzionale e maggioritario

Come leggiamo su “il Post”, con la nuova legge avremo un sistema di elezione misto; una parte dei seggi saranno approvati con il sistema maggioritario, un’altra parte con il sistema proporzionale. Una parte di Parlamento sarà quindi costituita dai candidati che hanno preso più voti, un’altra dai candidati eletti in modo proporzionale ai voti ottenuti. Nello specifico, alla  Camera avremo 232 collegi uninominali, assegnati con il sistema maggioritario in cui ogni partito o coalizione presenterà un solo candidato. Sarà eletto il candidato che, all’interno del collegio, otterrà più voti, o almeno uno, più degli altri. Gli altri 386 seggi saranno assegnati invece con il metodo proporzionale. In sostanza, ogni partito o coalizione presenterà una lista di canditati. Ad elezioni avvenute ogni partito eleggerà un numero di parlamentari proporzionale al numero di voti ottenuto. Al Senato cambia soltanto il numero di  seggi; 102 saranno assegnati con il sistema maggioritario e 207 con il sistema proporzionale. I seggi assegnati alle circoscrizione estere saranno 12 alla Camera e 6 al Senato.

No al voto disgiunto

Non sarà possibile il voto disgiunto.  Il voto dell’elettore andrà al candidato di uno specifico collegio per la quota maggioritaria e alla lista che lo appoggia per la quota proporzionale.Per fare un esempio: se l’elettore sceglie di votare Matteo Salvini, il suo voto andrà al leader leghista e alla Lega Nord; non si potrà votare, contemporaneamente, Matteo Salvini e Movimento Cinque Stelle. Così come non potremo esprimere la nostra preferenza per Luigi di Maio e non votare il suo Movimento, preferendo magari il Partito Democratico. Sceglieremo, in un solo voto, il nome del candidato e la lista che lo appoggia, senza poter fare diversamente. La soglia di sbarramento sarà al 3% per i partiti e il 10% per le coalizioni; chi non supererà queste soglie, non avrà diritto a nessun candidato. Saranno consentite le pluricandidature; sarà possibile, quindi, per un candidato, presentarsi in più collegi. In altre parole, ci si può candidare per un solo collegio uninominale, ma si può essere candidati, contemporaneamente, in cinque collegi proporzionali. La presenza dei collegi uninominali, presenti anche nel “Mattarellum”, la precedente legge elettorale, potrebbe favorire le alleanze tra i partiti, che potrebbero decidere di dividersi in qualche modo i vari collegi e di appoggiare in modo unitario i candidati di una certa coalizione a discapito delle altre.

2 Comments

La legge elettorale. | Chiara~Mente No.

ottobre 14, 2017 alle 12:12 pm

[…] avete capito come funziona? Io c’ho provato e qui ho provato a mettere insieme quello che ho scoperto/ capito. Quello che mi è stato chiaro fin da […]

Proviamo a capire lo Ius soli. | Chiara~Mente No.

novembre 3, 2017 alle 11:00 am

[…] perché i sondaggi dicono che tanti italiani sono contrari. E ad aprile dobbiamo andare a votare (abbiamo anche una legge elettorale nuova!), e probabilmente nessun partito vuole approvare una legge che gli italiani non vogliono. Sennò poi […]

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: